Antiriciclaggio

Antiriciclaggio

La normativa antiriciclaggio ha lo scopo di impedire, o comunque rendere difficile, la circolazione del denaro proveniente da azioni illegali, anche a scopo di finanziamento di azioni terroristiche, attraverso una serie di prescrizioni valide anche per gli enti pubblici.

Le prescrizioni si sostanziano, in via generale: nella limitazione all’uso dei contanti e dei titoli al portatore, nella adeguata verifica della clientela di chi esegue operazioni soggette alla Normativa antiriciclaggio, nella corretta e ordinata conservazione dei dati così raccolti, nella segnalazione delle operazioni sospette, nell’attività di formazione del personale e, infine, nell’obbligo di comunicare al Ministero dell’economia e delle finanze le violazioni alle prescrizioni di cui all’art. 51 d.lgs. 231/2007.

Il D. Lgs. n. 90/2017 (in vigore dal 4 luglio 2017), prevede alcune novità per i soggetti tenuti ad adempiere agli obblighi antiriciclaggio: oltre agli intermediari finanziari e ai soggetti assimilati, sono chiamate ad adempiere agli obblighi dettati dalla normativa antiriciclaggio anche le società di investimento a capitale fisso (SICAF). In modo analogo, con riferimento alle categorie professionali, le nuove regole valgono anche per i revisori legali e le società di revisione legale con/senza incarichi di revisione legale su enti sottoposti al regime intermedio.

  • SANZIONI PREVISTE

Secondo la norma, gli interessati, devono effettuare la registrazione tempestivamente e comunque entro trenta giorni dall’accettazione dell’incarico professionale, dall’eventuale conoscenza successiva di ulteriori informazioni o dal termine della prestazione professionale.

  • Lo Studio che omette di indicare le generalità del soggetto per conto del quale opera o le indica false è punito con la reclusione da 6 mesi a 1 anno e con la multa da 500 a 5.000 euro;
  • Lo Studio che non fornisce le informazioni sullo scopo e sulla natura prevista della prestazione professionale o le fornisce false è punito con l’arresto da 6 mesi a 3 anni e con l’ammenda da 5.000 a 50.000 euro;

S.A.I. CONSULTING SUPPORTA QUANTI VOGLIANO ADEGUARSI ALLA PREDETTA NORMATIVA, FORMANDO IL PERSONALE, FORNENDO LA NECESSARIA MODULISTICA, COMPILANDOLA E VERIFICANDO PERIODICAMENTE L’ESATTEZZA DELL’INTERA PRATICA.