È stata rifinanziata con ulteriori 300 milioni di euro la “Nuova Sabatini”, la misura che ha l’obiettivo di sostenere gli investimenti produttivi delle piccole e medie imprese per l’acquisto di beni strumentali.

 Istituita nel 2013 con il decreto legge n. 69, la Nuova Sabatini – Beni strumentali, fa parte del pacchetto di contributi previsti dal piano Industria 4.0, insieme ad altre, ben note agevolazioni:

Una serie di incentivi differenti uniti da un obiettivo comune, far ripartire l’Italia spingendo le aziende a cogliere tutte le possibilità offerte dalla c.d quarta rivoluzione industriale.

 Le PMI potranno quindi continuare a beneficiare delle agevolazioni per l’acquisto di beni materiali (macchinari, impianti, beni strumentali d’impresa, attrezzature nuove di fabbrica e hardware) o immateriali (software e tecnologie digitali).

Per il 2022-2023, lo stanziamento di denaro per la Nuova Sabatini è di 725 milioni di euro.

 Nello specifico, le somme stanziate per i prossimi anni sono le seguenti:
– 240 milioni di euro per il 2022-2023
– 120 milioni di euro per gli anni compresi tra il 2024 e il 2026
– 60 milioni di euro per il 2027

L’obiettivo della Nuova Sabatini, è quello di favorire e agevolare le imprese che intendono investire (sotto forma di acquisto o leasing) in macchinari, attrezzature, impianti, beni ad uso produttivo, hardware, software e tecnologie digitali.

La Nuova Sabatini prevede, innanzitutto che tu faccia una richiesta di finanziamento o di  leasing  ad una banca o a una società di leasing convenzionata per l’acquisto di beni strumentali alla attività della tua azienda.

Il finanziamento o il leasing dovrà avere una durata di 5 anni ed un importo compreso tra i 20.000 e i 2 milioni di euro.

Su questo finanziamento o leasing,  facendone opportuna richiesta e compilando la documentazione obbligatoria,si potrà beneficiare del contributo in conto interessi offerto dalla Nuova Sabatini.  

Inoltre, data l’attenzione rivolta agli investimenti “innovativi”, il Governo ha deciso di incrementare, dal 20% al 30%, la riserva per i contributi sugli investimenti in ottica industria 4.0.

Possono richiedere la Nuova Sabatini le imprese operanti in tutti i settori produttivi, inclusi agricoltura e pesca. Sono, invece escluse, le aziende che operano nell’ambio delle:

  • attività finanziarie e assicurative (sezione K della classificazione delle attività economiche ATECO 2007)
  • attività connesse all’esportazione e per gli interventi subordinati all’impiego preferenziale di prodotti interni rispetto ai prodotti di importazione

Per quanto riguarda i liberi professionisti, gli studi professionali e le Associazioni tra professionisti, non è possibile richiedere la Nuova Sabatini, a meno che non siano costituiti come impresa di piccola e media dimensione, che alla data di presentazione della domanda risulti iscritta nel Registro delle imprese.

Back to list

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.